VivereIn

VivereIn

Il Salone Internazionale del Benessere “Viverein” è arrivato alla terza edizione. Quest’anno il Comitato scientifico della manifestazione presieduto dal Prof. Antonio Malorni assegnerà i seguenti premi:

Premio “Viverein” “Un libro per il ben-essere” a Dott.ssa. Giovanna Bergamasco per “La maschera viola”, Guida, Napoli 2011;

Premio “Viverein” per la Medicina al Dott. Michele Gallucci dell’Istituto Tumori Regina Elena, Roma;

Premio “Viverein” per la Musica al Maestro Beppe Vessicchio;

Premio “Viverein” per il Giornalismo e la Comunicazione scientifica al Dott. Marco Ferrazzoli, Capo ufficio stampa del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma;

Premio CERAM per le Acque Termali alle Terme di Boario.

Il Premio Speciale “Viverein” 2011 sarà assegnato alla Prof. Zoubida Charrouf dell’Univerità di Rabat, Marocco per la Chimica, la Protezione Ambientale e la Promozione della donna. Questi tre elementi, l’emancipazione della donna, lo studio chimico dei prodotti della pianta Argania spinosa e la protezione ambientale basata sulla conservazione di una specie botanica indigena, sono legati in modo inestricabile nell’attività della prof.ssa Zoubida Charrouf, che senza alcun dubbio rappresenta il paladino dell’argania, una pianta spinosa che cresce nella regione arida del sud-ovest del Marocco, dove svolge un ruolo economico importante: il suo legno serve da combustibile; le sue foglie e i suoi frutti sono un ottimo foraggio per le capre; l’olio estratto dalla sua mandorla è utilizzato a scopi alimentari, nella medicina tradizionale e in cosmetica. In aggiunta a ciò, questa pianta svolge una funzione ancora più importante: è l’ultimo baluardo della regione contro l’avanzata del deserto. Ma essa è preziosa soprattutto per le donne di Tamanar e Tidzi alle quali Zoubida Charrouf ha dedicato più di quindici anni di ricerche per poterle poi riunire in cooperative per la produzione dell’olio d’argan, cooperative che sono dirette da donne delle stesse località. Alla luce di ciò, la figura della prof.ssa Zoubida Charrouf è additata come esempio di “donna d’Africa” dal CIPSI – Coordinamento di iniziative popolari di solidarietà internazionale – per portare avanti la raccolta di firme internazionale a sostegno della candidatura delle “Donne d’Africa” per l’assegnazione del Premio Nobel per la Pace 2011. Negli anni recenti, la prof.ssa Zoubida Charrouf ha avuto intensi rapporti scientifici con l’Istituto di Scienze dell’Alimentazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Avellino nell’ambito del progetto Europeo MAC-Oils.

La cerimonia è prevista per il giorno 7 maggio 2011, alle ore 10:30, presso il Salone del Gonfalone del Comune di Salerno e sarà preceduta da una lettura magistrale del filosofo prof. Aldo Masullo dal titolo: “Spiritualità del ben-essere”.

Per informazioni contattare:

dott. Gian Luigi Russo – ISA-CNR – Tel. 0825 299331 – E-mail: glrusso@isa.cnr.it

Download Invito 655 Kb.